Callescuela

 

La Fondazione Callescuela nasce nel 1983 come entità votata al recupero dei bambini di strada. Negli anni ’90 si rende conto che molti di questi bambini erano lavoratori, e per questo ha migliorato la sua mission, destinando i suoi sforzi per combattere lo sfruttamento del lavoro che avveniva in strada. La peculiarità del lavoro della Fondazione consta proprio nella realizzazione di progetti direttamente in loco, dove i bambini vivono o lavorano, facilitando l’articolazione di iniziative che ampliano il loro impatto a tutta la comunità. Il terminal degli autobus, i mercati ortofrutticoli, i centri cittadini, i maggiori incroci della rete viaria, sono i principali scenari dell’educazione di strada realizzata da Callescuela.
La Fondazione, con sede ad Asunción, nella capitale, opera direttamente anche a Ciudad del Este, città di confine con il Brasile e l'Argentina, votata a qualsiasi tipo di commercio. Nel 1999 vi è stato il primo incontro nazionale della CONNATs, il coordinamento nazionale dei NATs del Paraguay, ed ancora oggi Callescuela accompagna e favorisce l’organizzazione dei bambini ed adolescenti lavoratori a livello Paese e in networking con altre realtà simili.
Grazie ai rapporti intrattenuti con i datori di lavoro dei ragazzi, le comunità in cui questi vivono, le istituzioni scolastiche, Callescuela è riuscita ad ottenere dei locali in cui svolgere attività di doposcuola, di formazione ai diritti, di organizzazione dei minori lavoratori per favorire il processo di cittadinanza attiva. Un risultato molto importante ottenuto dalla Fondazione, è stato quello di organizzare anche i genitori, soprattutto le madri, partendo dall'esperienza dei figli. Infatti, vedendo il successo ottenuto dai propri bambini, le madri hanno voluto essere accompagnate nel processo di organizzazione, diventando delle leader comunitarie, in grado di strutturare delle proposte concrete per migliorare il loro tenore di vita. Un esempio è la holla comunitaria, per cui a turno le madri cucinano per tutto il vicinato, ottimizzando i costi, facendo risparmiare tempo alle donne che possono dedicarsi ad altre faccende, rafforzando i legami tra di loro. 


Nel corso del 2010 uno scambio di delegazioni tra NATs per… Onlus e Callescuela, ha permesso di stabilire solidi contatti fra le due associazioni, e in seguito ad una visita in loco dei nostri volontari, è emersa una lacuna riguardante la creazione di spazi di lavoro dignitoso a favore dei NATs (Niños, Niñas y Adolescentes Trabajadores), a fronte invece di un’ottima formazione fornita loro.


A gennaio 2011 è iniziato il progetto Tembiapo ara pyahu rekavo - Lavoriamo per costruire un futuro migliore, che prevedeva l'avvio di un corso di formazione professionale in panetteria nella città di Asunción, a favore di adolescenti, giovani e madri per garantire nuove e dignitose opportunità di lavoro. I locali addetti alla formazione sono serviti anche per la produzione e vendita di prodotti, così da garantire una forma di autosostentamento al progetto, così come la creazione di una micro-impresa sociale gestita dai corsisti.


Nel corso del 2012 il progetto è stato potenziato con l’attivazione di due nuovi corsi di formazione in marketing e distribuzione dei prodotti, allo scopo di fornire nuovi strumenti di formazione professionale, aperto anche a nuovi studenti.


A luglio 2013, grazie al contributo di Fondazione San Zeno e Fondazione Zanetti, è cominciato il progetto Costruendo dignità per un futuro migliore, conclusosi il 30 luglio 2014. Il progetto ha consolidato e ampliato le attività avviate con il precedente progetto pilota biennale, cominciato nel 2010.

I risultati raggiunti da questa prima annualità di progetto sono stati molti:

  • sono state costituite e/o consolidate 5 micro-imprese sociali, costituite da 16 adolescenti/giovani di 14-19 anni e 20 donne madri capo-famiglia di 24-47 anni;
  • è stata creata una scuola di formazione professionale in panetteria-pasticceria, riconosciuta dal governo;
  • è stata creata una pubblicazione di sistematizzazione dell'esperienza realizzata da Callescuela, per la sua replica e diffusione a livello nazionale.


l'1 settembre 2014 è cominciato il progetto Costruendo dignità per un futuro migliore. II anno, co-finanziato da Fondazione San Zeno, con l'obiettivo di migliorare l'accesso al mercato del lavoro formale, attraverso la formazione professionale e la crezione di micro-imprese sociali per adolescenti/giovani e madri-capofamiglia, che consiste nella consolidazione di 6 micro imprese già esistenti e nella creazione di 3 nuove: panetteria e servizio catering “La Olla”; fondo rotativo di prestito e risparmio; serigrafia; produzione e decorazione di zapatillas; vendita di ghiaccio, succhi e rimedi naturali; bigiotteria e ornamenti artigianali; vendita di mais e frutta; vendita di sandwich, empanadas, macedonie e succhi di frutta.
Ha compreso la formazione di 20 studenti nella produzione di alimenti di panetteria/pasticceria e 12 di questi hanno ricevuto un attestato di qualifica a livello nazionale.

Per maggiori informazioni sul progetto Costruendo dignità per un futuro migliore, potete consultare il depliant:
/upload/DepliantProgetto.pdf

Potete visualizzare il video del progetto cliccando su questo link:
http://www.natsper.org/2013/01/29/Progetti-all-estero/


Il 1 novembre 2015, è partito TEKOHA - proyecto de emprendimiento solidario, a favore della Comunidad Comuneros, un insediamento di contadini, in cui attualmente vivono 96 famiglie senza terra che occupano un'area di 129 ettari, di cui 8 sono a gestione comunitaria. L'attività principale della comunità è l'agricoltura biologica, i prodotti vengono coltivati per il consumo famigliare e quelli in eccesso vengono venduti dai bamibini e dalle donne della comunità. I bambini, per la maggior parte di un'età compresa tra i 0 e i 14 anni, ricevono un'istruzione solo per pochi anni o non la ricevono e sono costretti a lavorare nei campi o come venditori ambulanti. Viste le scarse prospettive di crescita che offre la comunità, i giovani rischiano di finire sulla strada, vittime di violenze e droga.
Il progetto prevede quindi la creazione di una micro-impresa sociale di produzione e commercio di dolci artigianali e marmellate, a favore di 15 adolescenti e 15 madri capo-famiglia, per contrastare il fenomeno di migrazione dei minori della Comunidad Comuneros verso le strade delle grandi città, e favorire l’emancipazione delle donne.

Per maggiori informazioni sul progetto TEKOHA, potete consultare il depliant:
/upload/TEKOHA .pdf

 

Banchetto Informativo