Social Day

CHE COS'E'...

 

Il Social Day è un percorso di cittadinanza attiva, volontariato e raccolta fondi delle giovani generazioni che prevede:

-la formazione sui temi dei diritti, della pace, della cittadinanza attiva e della giustizia per gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado e per i giovani dei contesti informali;

- la giornata di Social Day, fortemente simbolica, in cui i ragazzi si organizzano per “lavorare” presso aziende del territorio, oratori, associazioni…, disponibili ad ospitarli offrendo loro una ricompensa.  I fondi raccolti dai ragazzi, poi, vengono destinati a progetti di solidarietà nazionale ed internazionale

Finalità intrinseca del Social Day è la raccolta fondi da destinare a progetti solidali; ma è anche e soprattutto promuovere in una giornata simbolica l’azione di una Città sensibile, in cui le giovani generazioni coinvolgono il territorio ad attivarsi in iniziative solidali.

 

 

La valenza sociale del progetto é quindi molto importante: un’occasione per il territorio di crescere in partecipazione e cittadinanza attiva.

Il concetto di solidarietà, come fattivo impegno a favore degli altri, si traduce in un’attività lavorativa che porta frutti concreti. I giovani diventano protagonisti di una diversa modalità di relazione: al centro del proprio fare c’é qualcun altro, che non conoscono, ma che possono aiutare, nello spirito dell’ “agire localmente, pensare globalmente”.
Ma c’é un altro aspetto fondamentale: il coinvolgimento del territorio.I ragazzi vengono messi in luce per la loro azione positiva, d’impegno per gli altri e gli adulti si lasciano contagiare da una gioventù generosa verso il prossimo.

Il Social Day è un'iniziativa che viene supportata da varie realtà presenti su tutto il territorio italiano e viene coordinata dalla Cooperativa Sociale Progetto Zattera Blu di Schio e dall’Associazione di Volontariato Gruppo Vulcano di Bassano del Grappa.

Scopri la rete del Social Day: www.socialday.org

La giornata del Social Day si realizza un sabato (data scelta dal coordinamento): nella mattinata lavorano i ragazzi delle scuole che hanno aderito all’iniziativa e nel pomeriggio si aggiungono i ragazzi dei gruppi informali del territorio. Le attività realizzate sono prevalentemente manuali: sgombero cantine, pulizie aree verdi, risistemazione locali della scuola, tinteggiatura, verniciatura cancelli e recinzioni, attività di giardinaggio,lavaggio auto, pulizia di ambienti (negozi, librerie…), servizio di baby-sitter, volantinaggio… e possono essere concordate con l’appoggio del Comune.

La scelta di chi sostenere con i proventi guadagnati dai ragazzi viene valutata di anno in anno, con modalità che mirano a rendere via via sempre più protagonisti i ragazzi della decisione. Una quota del 10% dei fondi raccolti dalle varie iniziative viene sempre destinata ad un progetto comune alla rete che aderisce al Social Day.

Potete vedere il nuovo video del Social Day, realizzato dalla Cooperativa Kirikù in merito al progetto "Giovani, Attori di Cittadinanza e Partecipazione", finanziato dalla Regione del Veneto e dalla Tavola dei Valdesi - Ufficio Otto per Mille, cliccando il link:
http://www.natsper.org/2013/01/29/Progetti-in-Italia/

Per avere maggiori informazioni sul progetto "Giovani, Attori di Cittadinanza e Partecipazione", cliccate il seguente link:
http://www.natsper.org/2014/07/25/Giovani-Attori-di-Cittadinanza-e-Partecipazione-2/

 

COME PARTECIPARE:

 

Sei un giovane? Puoi prendere parte all'iniziativa come singolo, con un gruppo di amici, o con la tua classe/scuola.

In questa giornata potrai scegliere di lavorare per un’intera mattinata e donare il tuo compenso per finanziare dei progetti di solidarietà. Puoi svolgere la tua attività, come singolo o in gruppo, presso un’impresa (azienda, negozio, bar..), un ente locale, un’associazione, un patronato, un privato.

La ricerca spetta a te!

I lavori possono riguardare attività che vanno a beneficio della comunità, in questo caso vengono generalmente  individuate attraverso l’appoggio del Comune o della Scuola stessa. Nelle precedenti edizioni, ad esempio, alcune classi si sono occupate della sistemazione di parchi o di altre strutture pubbliche, o ancora, hanno realizzato attività di animazione in casa di riposo.

Tuttavia i lavori possono essere individuati anche chiedendo supporto ai vicini, ai conoscenti, alle associazioni e ai gruppi sportivi che gli studenti frequentano: taglio erba e attività di giardinaggio, tinteggiatura, sgombero di soffitte e cantine, pulizia ambienti (negozi, librerie...), servizio di baby-sitter, volantinaggio, verniciatura di cancelli e recinzioni, lavaggio auto...

...l’importante è lavorare insieme per avere un grande risultato!

Non esiste una regola che determini l’ammontare dell’offerta. Di solito il datore di lavoro si accorda precedentemente con i ragazzi sulla base di criteri di sensibilità e equità rispetto al lavoro che si andrà a svolgere e alle finalità del progetto Social Day.

Aspetti legali:

Dall’attività non risulta un rapporto di lavoro, l’attività svolta rientra in un programma di formazione della scuola o come attività di volontariato.
Importante: se non hai ancora compiuto 16 anni puoi lavorare solo presso un privato.
Sei assicurato contro gli infortuni solo nel caso in cui il progetto Social Day rientri nel P.O.F. della tua Scuola.

Sei un possibile datore di lavoro? (azienda, artigiano, negozio, privato, associazione, ente...)

Offri ai ragazzi un’attività da svolgere per mezza giornata e contraccambia facendo una donazione nell’ambito della campagna di raccolta fondi del Social Day contattandoci ai recapiti qui sotto.

 

CONTATTI

Se vuoi partecipare anche tu al Social Day , puoi contattare:

Francesco Venturin

tel.: 0422 263295

cell.: 334 5634614

e-mail: info@natsper.org

 

 


 


Sottopagine:

Banchetto Informativo